Blog

GABOR FALDUM SECONDO AL GRAND PRIX ITALIA DI SEGRATE

IMG_5144 copiaUna vittoria mancata per pochi passi: Gabor Faldum, magiaro del PPR Team, si deve accontentare del secondo posto della caldissima gara su distanza sprint di Segrate (Milano) valida come seconda tappa del Grand Prix Italia. Aveva sognato il successo all’inizio della terza frazione, ha gestito le energie fino ad arrivare al duello uno-contro-uno con il ceco Svarc che nel finale ha avuto la meglio e ha centrato la vittoria. 56’48″ il crono di Faldum, staccato di 2″ dal vincitore. Stefano Intagliata ha chiuso al 18° posto, Ennio Salerno 23°, Elia Mozzachiodi 27°, Levente Szatmari 30°. Nella gara femminile, Dora Fuchs, ungherese, chiude al 16° posto in 1h06’44″.

 

LA CRONACA DELLA GARA MASCHILE

Gli uomini schierati alla partenza sono 101 e c’è gran parte del meglio che il triathlon italiano oggi sappia esprimere. La frazione natatoria è concitatissima e in T1 entrano per primi il forte nuotatore Gianluca Pozzati per il CUS Trento, Giulio Pugliese del Torrino Triathlon e Stefano Rigoni portacolori del Padovanuoto. A seguirli c’è un gruppo compatto e molto folto con tutti i più accreditati alle posizioni da medaglia, tra cui Andrea De Ponti, Tamas Toth, Ricardo Hernandez e IMG_4951 copia 2Tommaso Crivellaro. I 20 km di ciclismo vedono formarsi tre grandi gruppi compatti, con il primo composto da una trentina di atleti tra cui Andrea De Ponti Per il Friesian Team, Gianluca Pozzati, Gabor Faldum per il PPR Team e Premysl Svarc portacolori del TD Rimini.  All’uscita dalla T2 i giochi sono ancora quanto mai aperti. A guidare i primi nella frazione di corsa è Andrea De Ponti, seguito spalla a spalla dal portacolori di DDS Triathlon Tommaso Crivellaro. Dietro di loro a pochissimi secondi incalzano Svarc e Faldum. È proprio tra questi ultimi che dopo appena n kilometro di corsa si ingaggia un confronto serrato, che nessuno degli inseguitori sa sostenere. Gli ultimi chilometri di corsa sono un discorso a due e ad avere la meglio sulla finish line è proprio Premysl Svarc che porta la maglia del TD Rimini sul gradino più alto del podio maschile. L’argento è di Faldum e a completare il podio ci pensa Tamas Toth in forze quest’anno al 707 triathlon.