Blog

PPRTEAM SUL TETTO DEL MONDO. PER DAVVERO

 

“Chi più alto sale, più lontano vede; chi più lontano vede, più a lungo sogna.” (Felice Bonaiti)

 

Tutto ha inizio con la stupenda vittoria d’alta quota di Annovazzi all’edizione zero dello StoneBrixiaMan Extreme Triathlon, in cima al Paradiso. Da lì non si ridiscenderà: alto livello anche quello delle prestazioni PPR alle semifinali dell’Etu Triathlon Junior European Cup di Tiszaujvaros con Pesavento, Fuchs, Petrov e Soos, e quello di Faldum alla Tiszaujvaros ITU Triathlon World Cup. Fino ad arrivare, passando per i bei risultati di Intagliata e Galeazzo, alla domenica di consacrazione: 1° Soos e 3° Pesavento. Top ten per Faldum

 

Iniziamo dalla vetta: a sole due settimane dall’importante posto di Annovazzi al Celtman Extreme Triathlon, sabato il Capitano tocca per primo la cima del Paradiso, proibitivo arrivo della tappa “run” all’edizione zero dello StoneBrixiaMan Extreme Triathlon. Che dire? Tante lacrime. Senza parole. Anzi, una ne abbiamo:
“IM-MEN-SO”.

 

L’ispirazione arriva dritta in Ungheria, dove sabato tutti i PPR presenti alla 2016 Tiszaujvaros Etu Triathlon Junior European Cup si qualificano per la finale della domenica: Pesavento, 2° alla semifinale, e gli ungheresi Fuchs, 3^, Petrov, 4^, e Soos, 3°.

 

Promettono bene anche le semifinali di Anheur, Faldum e Ruzsas alla  2016 Tiszaujvaros ITU Triathlon World Cup: l’olimpico ungherese conquista la finale con il 1° posto alle eliminatorie.

 

La domenica ci “scaldiamo” con il coach Intagliata, 4° assoluto su 700 partenti alla 15^ edizione del Triathlon Sprint Città di Lecco firmato Spartacus Events, e con il giovane Galeazzo che continua  a migliorare: 12° assoluto al Triathlon Sprint Silca Cup di Farra d’Alpago firmato Silca Ultralite.

 

Ed è solo l’inizio. Le qualifiche del sabato in Ungheria vengono sancite dai risultati della domenica: alla 2016 Tiszaujvaros Etu Triathlon Junior European Cup niente meno che oro per Soos e bronzo per Pesavento, fantastici! Bene anche la Petrov, 7^, e la Fuchs.

 

Mentre nell’ITU Triathlon World Cup ci aggiudichiamo la top ten con Faldum, in forma perfetta e sempre più pronto per la partenza verso Rio 2016.

 

Un weekend che ci porta sempre più in alto, insomma.
Sul tetto d’Italia. Sul tetto d’Europa.
Sul tetto del Mondo.

 

PPR-Soos-Pesavento