Blog

TRIATHLON ALLO STATO PURO: BRONZO PER MOZZACHIODI E BORDIGA ALL’OLIMPICO DELL’IDROSCALO

 

“E se dovessimo fallire?” – “Noi non falliremo.” (tratto dal “Macbeth”)

Il weekend del PPRTeam parte benissimo. Fatto nostro mantra la famosa citazione del “Macbeth” – oggi che ricorrono i 400 anni dalla scomparsa di Shakespeare – calchiamo la scena dell’Olimpico Internazionale dell’Idroscalo come solo noi sappiamo fare: 3° Mozzachiodi, 4° Salerno, 8° Ferlazzo e 3^ Bordiga. Perchè il PPR è sempre protagonista.

Molto soddisfatto Mozzachiodi, bronzo dietro a Risti e Fontana: deciso a non esagerare nel nuoto, lascia passare Risti, riprendendo fiato e garantendosi così un cambio incisivo che lo fa uscire per primo da T1. Tre giri in bici veloci ma gestibili, con cambi regolari: al quarto partiranno i giochi di squadra tra i due del DDS. Rimarrà solo a controllare dietro di sé il secondo gruppo e lo stesso farà nella frazione di corsa. Un ottimo bronzo per lui, con 1:53:35. 

Qualche rimpianto per Salerno, 4°: nuota nel gruppo di testa ma un problema a sfilare la muta lo fa attardare senza che riesca più a prendere il primo treno bici. Peccato, la sua media run parla chiaro: è stata pari a quella del primo arrivato. Chissà cosa sarebbe potuto succedere…

Ferlazzo sarà 8°: la definisce una giornata “no”, con un ottimo nuoto insieme ai compagni di squadra, ma con un ritardo nel cambio e uguale sorte di Salerno in bici. Per lui, poi, si aggiungeranno anche dei crampi in corsa. “Ma è dalle giornate no che si impara di più”, conclude con la giusta filosofia.

Ma vogliamo parlare della Bordiga? Una splendida gara per lei, che inizia la stagione con un colpo di spugna sulle brutte sensazioni portatasi dietro dal 2015. Spalla e schiena doloranti la fanno nuotare non come avrebbe voluto, eppure esce dall’acqua tra le prime dieci. Cambia con una compagna di allenamenti e assieme a una francese molto forte in bici fanno gioco di squadra partendo unite all’inseguimento delle prime due: cambi regolari per loro e la media altissima di 37 Km/h, senza nemmeno il favore della scia maschile. Seguirà il consiglio di chi la conosce bene e si risparmierà nei primi tre chilometri di corsa, fino a sciogliere le gambe e a scattare verso il traguardo. Uno splendido bronzo tutto rosa per il PPR, con 2:20:45.

La voce del DT D’Annunzio come speaker li ha accompagnati tutti e un po’ l’abbiamo fatto anche noi da casa.

Perché la Famiglia è la Famiglia.

E i successi si condividono.

Domani sarà la volta di Annovazzi e Pera al Trapaniman113, medio di San Vito Lo Capo (TP), mentre gli ungheresi Fuchs, Hanko, Petrov, Ruzsas e Soos saranno al Triathlon Sprint Città di Asola  (MN).

All’ITU WTS CAPE TOWN scende in campo Faldum: al via alle 16:30 la terza tappa del Campionato del Mondo di Triathlon a Cape Town (Sud Africa), prova che si disputerà su distanza sprint, con la possibilità di essere seguita live e sui social con l’hashtag #WTSCapeTown.

In bocca al lupo a tutti!

PPR-Bordiga-Idroscalo