Blog

UN OLIMPICO SU DISTANZA OLIMPICA: FALDUM VERSO RIO CONQUISTA CALDARO

 

“Nem esik messze az alma a fájatol.”
“La mela non cade mai lontano dall’albero.”

 

Mentre i Tre Moschettieri Ferlazzo, Mozzachiodi e Salerno tenevano alto l’onore del PPRTeam al Terzo Triathlon Sprint di Porto Venere (SV), Faldum, Fuchs e Ruzsas scendevano in Italia alla conquista di Caldaro (BZ). Medaglie, podi, mele trentine e spirito PPR per gli ungheresi della Family. Come si dice, buon sangue non mente…

 

Incontenibile. al Triathlon Olimpico di Caldaro (BZ) di sabato il nostro temutissimo atleta olimpico ungherese Gabor Faldum: eccellenza di casa anche un po’ nostra. Rio 2016, per lui, ormai è una certezza.
Ma perché accontentarsi? La Fuchs chiude 6^ assoluta, nonché 1^ Junior. E Ruzsas 9°.
Stringiamo la mano agli sconfitti, dispiacendoci per loro. Che ci possiamo fare se arriviamo sempre prima?

 

Nel frattempo, sul litorale ligure lo Sprint di Porto Venere vede chiudere, tra 600 atleti provenienti da tutta Italia, 4° Mozzachiodi, mentre Ferlazzo gli è subito dietro, 5°. Niente paura per Salerno: per lui una caduta in bici a causa dell’attraversamento accidentale di un pedone lungo il percorso, ma da La Spezia arrivano notizie rassicuranti. Subito pronti a ripartire!

 

Lago e mare, due belle location, folto pubblico e tifo caloroso. Sul posto, come da casa.

Noi, ormai, siamo una garanzia di presenza.

Oltretutto, bella presenza.

 
PPR-Fuchs-Caldaro